Medico e Giornalista

foto ernesta

bellezza 1

la pietà dolore

Nell’esperienza del dolore siamo risucchiati nel gorgo di una radicale modificazione del tempo vissuto: dal quale si allontanano il passato ed il futuro, il tempo vissuto si arresta e viene meno ogni speranza possibile e ogni attesa possibile che rinasce solo quando il dolore si attenua.
E. Borgna, L’attesa e la speranza

Dal Libro Rosso di Carl Gustav Jung sul significato e sul mistero della morte e la nostra vita

 

libro rosso

“… Se accogli in te la morte, essa è come una notte di brina e un presagio di sgomento, ma è una notte di brina che scende su un vigneto ricolmo di dolci grappoli. Presto sarai felice della tua ricchezza.  La morte fa maturare.  C'è bisogno della morte per poter raccogliere i frutti.  Senza la morte la vita non avrebbe senso, perché ciò che dura a lungo torna a eliminarsi da solo e nega il proprio significato.  Per esistere e godere della tua esistenza ti è necessaria la morte, e questa limitazione ti consente di portare a compimento la tua esistenza… “

diario etty hillesumCi sono due soli posti al mondo dove potremo rifugiarsi e trovare pace. Il nostro cuore vigile e la nostra anima chiara. In questi posti nessuna cattiveria può entrare. Chiudersi al mondo con i grandi maestri che ci insegnano a stare da soli con i loro libri. I loro pensieri. Un esempio straordinario l'ho trovato leggendo il Diario di Etty Hillesum. Seguire la nostra strada. Silenziosamente. Non essere né buoni né cattivi. Non permettere a nessuno di avvicinarsi più. Ognuno di noi ha avuto i propri successi e i propri fallimenti. Non pretendo amore e rispetto da chi me li nega. Dimentico le mie domande. Non mi interessa più sapere chi e perché mi ha colpito alle spalle. È un fatto cui ognuno dovrà rispondere a se stesso. Se mai avrà la coscienza di quanto male si può fare con un comportamento violento e ottusamente stupido. Ad ognuno dico di seguire quello che cerca. Troverà sempre sulla propria strada opportunisti e invidiosi. Bisogna stare attenti. Non soffermarsi con costoro e non perderci il sonno. Ernesta Adele Marando

libertà di espressione